Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di chiara1
  • Blog di chiara1
  • : Il blog di chiara
  • Contatti

Testo Libero

19 luglio 2011 2 19 /07 /luglio /2011 15:12

State realizzando un garage nella vostra casa e siete in procinto di scegliere la porta più adatta? Bene, allora siete ancora in tempo per considerare alcune regole fondamentali per evitare disagi che possono dipendere strettamente dalle situazioni meteo (neve, pioggia, grandine etc).

Tipologia della porta per garage

Le porte adatte per i garage sono caratterizzate da una serie di fattori. Il più evidente è certamente la dimensione. Esse infatti devono risultare abbastanza grandi da permettere l’entrata e l’uscita dell’autovettura. Ma non solo. Le caratteristiche sono anche dettate da esigenze particolari: dallo spazio disponibile per permettere l’intera apertura della porta, dal luogo in cui vengono posizionate (giardini, città, residence, case di vileggiatura ecc) e dal contesto che caratterizza la villetta stessa. Le porte per garage possono essere molto economiche se decidete di acquistare le porte di lamiera zincata, certamente adatte per questa funzione e anche molto leggere e pratiche per quanto riguarda l’uso. Potete anche scegliere di pitturarle del colore che preferite. In alternativa, se il contesto risulta essere particolarmente elegante, potreste optare per porte in legno, che risultano particolarmente pregiate (ovviamente in base al legno) e allo stesso tempo arredano benissimo l’esterno.

Metodo di apertura

Il metodo di apertura delle porte per i garage è molto importante e fondamentale. Se il garage si trova allo stesso livello della strada, e in quel luogo in inverno nevica abbondantemente, allora dovrete optare per le porta da garage basculanti (apertura verticale). Se doveste optare per un’apertura normale esterna, dovreste prima spalare tutta la neve per permettere l’apertura della porta stessa. La stessa soluzione è adatta anche per i garage che si trovano in fondo a una discesa o in salita. In caso contrario (se non doveste avere problemi di neve) andrà bene una normale porta con apertura tradizionale esterna (se il garage è di piccole dimensioni, altrimenti avrete difficoltà a richiuderla dopo che avrete ricoverato l’auto al suo interno), oppure interna, se il vostro garage risulta essere particolarmente profondo ed è sufficiente lo spazio per richiudere la porta non appena parcheggiata l’auto. Un ultimo accorgimento è quello di evitare di scegliere una porta di lamiera zincata nel caso che le temperature in alcuni periodi dell’anno risultino eccessivamente calde e il sole batta sulla porta per la maggior parte della giornata, rischiereste di trovare l'interno del garage troppo caldo.

Garage door
Repost 0
14 luglio 2011 4 14 /07 /luglio /2011 11:34

Con l’arrivo del caldo estivo, torrido, cocente e molto spesso, profondamente spiazzante, si va sempre alla ricerca di riparo, di posti all’ombra e freschi, e si fa viva l’esigenza di realizzare più luoghi “attrezzati” possibili, in particolare sui balconi e nei giardini, nonché nei piccolissimi spazi davanti a porte e finestre.

Tende da sole: tipologie

In base alle esigenze e, soprattutto, in base agli spazi disponibili in casa, si può scegliere tra tende da sole classiche (tende nel vero senso della parola da sistemare sull’uscio delle porte. Cappottine o teloni) e gazebi all’interno dei quali realizzare una sorta di piccolo salottino riparato dai raggi solari da sistemare nel giardino. Sui balconi è sempre una buona idea quella di installare i rulli raccoglitori per tendoni in modo da adoperarli solo in estate. Nei periodi invernali, basta semplicemente avvolgere i tendoni in modo tale da evitare che si strappino a causa di venti forti e grandinate. La stessa cosa, è possibile anche sopra le porte e le finestre. In alta Italia sono particolarmente sfruttate le cappottine, le stesse che vengono adoperate per le botteghe. Sono effettivamente molto efficienti per quanto riguarda il filtraggio dei raggi solari, anche se sarebbero più indicate per luoghi di villeggiatura o campagne, piuttosto che in città o nelle case di un certo tipo. Per scegliere una tenda o cappottina di ottima qualità, basta scegliere marche leader nel settore come Parà o Arquati.

Gazebi

In lternativa, se avete una casa con un grande giardino e desiderate realizzare un angolo riparato dal sole, allora potreste ricorrere ai gazebi prefabbricati, o farli fare direttamente su misura. Se decidete di sistemare un gazebo, ricordate di smontarlo nel periodo invernale per evitare che si rovini o peggio, si strappi irreparabilmente. Sulla base della grandezza del gazebo che scegliete di acquistare, è conveniente fare in modo di fissarlo in maniera stabile sul terreno.

Diversamente, il tendone che copre il gazebo stesso, dovrà essere facilmente smontabile in maniera tale da poterlo gestire al meglio in termini di pulizia e manutenzione. Se invece non avete a disposizione particolari spazi (nemmeno sul balcone) allora potete ricorrere ai tendoni a uscio. Consigliabile un tessuto abbastanza spesso e pesante. Per quanto riguarda la tinta, sempre meglio scegliere colori chiari (che non attirano il sole a differenza del nero e del blu scuro).

Saint Malo - la stazione
Repost 0
13 luglio 2011 3 13 /07 /luglio /2011 21:48

Con l’arrivo dei mesi caldi, un bel bagno in piscina certamente è un’idea più che allettante. Per di più se si tratta di una piscina pulita, curata in tutti i dettagli e proprio per questo particolarmente invitante. Le coperture per le piscine risultano essere di grande aiuto per far si che la piscina rimanga sempre pulita.

Manutenzione

Oltre alla regolare manutenzione della piscina: pulizia del fondo, ripristino costante del cloro, anti aghe, flusso dell’acqua continuo per tenere l’acqua stessa in continuo movimento e così via, un ruolo importantissimo riveste anche la copertura della piscina. Se si tratta di piscine di una certa grandezza, è ovvio che non si possa pretendere di montare la copertura ogni sera, o comunque ogni volta che per qualche giorno la piscina non viene adoperata, piuttosto è meno difficoltoso e meno impegnativo, eliminare gli insetti che si accumulano sul fondo della piscina e in superficie aiutandosi con un retino e con l’aspirapolvere per piscine. Quando termina la stagione estiva, si può decidere di svuotare la piscina completamente, oppure si può optare a lasciare l’acqua, coprire la piscina (ed ecco che la copertura è fondamentale) e provvedere, con la nuova stagione estiva a depurare l’acqua preesistente rivolgendosi a ditte specializzate (che costa certamente meno di riempire la piscina ogni anno con migliaia di litri di acqua).

Coperture per piscina

Per quanto riguarda la scelta della copertura per la piscina, sempre se si tratta di piscine di una certa grandezza, l’ideale è la copertura in plastica molto resistente realizzata su misura per la vostra piscina. Se si tratta di una piscina scavata sul terreno, dovrete provvedere anche ai sacchi di sabbia da posizionare su tutto il perimetro della piscina stessa per garantire la stabilità del telo per tutto l’inverno (e contro tutte le avversità metereologiche che ne conseguono). Se invece si tratta di piscine autoportanti di piccola e media grandezza, allora potete adoperare il telo che spesso viene proposto insieme al kit della piscina stessa. Si tratta di un telo di plastica (sempre estremamente resistente) facilemente applicabile e che potreste anche montare ogni sera dopo avere adoperato la piscina. Grazie a questa copertura, eviterete di trovare insetti galleggianti sull’acqua o sul fondo.

Piscina
Repost 0